56 - La dimensione temporale dei turbamenti-Il Dr. Graziano Menghi vi da il benvenuto sul sito ufficiale di Psicologia Analogica.

la situazione questa

56 - La dimensione temporale dei turbamenti

LA DIMENSIONE TEMPORALE DEI TURBAMENTI RELATIVI

E DEI TURBAMENTI BASE

Il tempo del presente, proveniente da un passato, possiede una realtà temporale finita. In quanto il passato è un fatto compiuto. Il tempo presente attuale di adesso, nel momento esatto in cui leggete: "questa parola"- è già composto, contemporaneamente anche dal tempo passato, perché è già avvenuto. Ciò definisce la esperibilità di ogni evento psichico, esclusivamente con il tempo. In quanto, questo fattore di tempo, è oramai divenuto soggettivo, nel suo contesto di non mutabilità degli eventi realmente accaduti. Il tempo del presente, è formato anche dal pensiero soggettivo che viene proiettato verso il futuro. Per cui, questo pensiero e assoggettato alla possibile funzione compensativa e possibile modificazione degli eventi passati, che però, possono svolgersi solamente nel prossimo tempo futuro a venire. Tutti gli individui viventi al mondo e forse anche altrove ( extraterrestri ? ) vivono lo stesso tempo presente analogo per tutti in modo contemporaneo. Perché ogni essere vivente, fatto di materia vivente, vive assolutamente lo stesso tempo presente di un altro. Forse, certamente in un altro contesto oggettivo diverso dal nostro, ma pur sempre e solo nel medesimo tempo del presente attuale. Perché il presente, è un attimo di tempo che accade, uguale nello stesso momento di tutti gli abitanti dell' intero universo.

Infatti nessuna oggettività materiale, può oltrepassare con il proprio corpo materiale il muro invisibile del tempo del presente attuale. Questo muro di tempo, può essere oltrepassato solo con la proiezione soggettiva psichica del pensiero. Per il semplice fatto, che questo è composto di pura energia mentale e quindi, non vincolato materialmente dai limiti impostati dalla legge fisica tridimensionale. Il pensiero infatti si può spostare anche nel tempo passato e quello del futuro, ma solo come proiezione psichica mentale. La proiezione soggettiva, può viaggiare nella temporalità psichica, generando pensieri o idee creative, nella quale vengono traslate le ipotetiche realtà immaginali virtuali da costruire nel possibile continuo divenire, chiamate: proiezioni mentali futuribili. Il tempo del presente, sarà quindi sempre percepito, come un muro o linea invisibile di natura atemporale impenetrabile con la realtà oggettiva contingente. Una barriera temporale, che nessuno mai, e nel modo più assoluto, potrà mai oltrepassare, con la propria oggettività materiale di tipo finita, cioè limitata. L' oggettività materiale, non potrà mai oltrepassare il tempo del presente, essa vi rimarrà continuamente, incessantemente ed ineluttabilmente oggettivamente attaccata. Inoltre, l’ oggettività materiale delle cose, non potrà mai esistere contemporaneamente, nelle diverse temporalità, cioè nel presente, nel futuro o nel passato, ma solo in un continuo ed eterno tempo presente. Il tempo del futuro possiede ancora tutte le caratteristiche dell' infinito, perché all' interno del suo -sé- temporale, possiede contemporaneamente anche il suo stesso tempo passato, il suo tempo presente, ed il suo tempo futuro, il tutto visto e percepito, come proiezione virtuale, delle probabili azioni, nelle quali l' individuo può accedere e modificare gli eventi che vi succedono: proiettando mentalmente, un tempo prima, un durante e un dopo, tutto previsto nel tempo futuro, ancora da succedere. All' interno di quel tempo, la proiezione mentale dell' individuo, può spostarsi al suo interno a piacimento: esattamente, come può essere fatto con un video quando si visiona un film. Questa possibilità, possiamo chiamarla: futuro mentale infinito della realtà immaginale, o anche futuribile; cioè la visione degli avvenimenti futuri prevedibili, dedotti tramite la conoscenza degli avvenimenti passati.

EGREGORE PSICOLOGICHE

La griglia sistemica, vista in esploso su di un piano unico, permette di capire immediatamente, la sua completezza temporale gerarchica biunivoca. Vediamo, che seguendo sempre le medesime regole gerarchiche dei singoli simboli, questa è composta da quattro griglie complete, che noi conosciamo come distonie psicologiche. Una distonia psicologica, è completa, quando al suo interno prendono posto entrambe le distonie psichiche temporali, seguendo la rotazione verso-inverso. Infatti, da un determinato punto del tempo presente, cioè, da qualsiasi distonia psicologica, o, punto simbolico si comincia: la griglia psicologica, parte in due direzioni completamente invertenti tra loro, in una sovrapposizione di simboli, posizionati contemporaneamente in una composizione biunivoca ( levogiro e destrogiro ).

Prendiamo atto, che tutti i simboli relativi soggettivi, delle egregore istituzionali divine e quindi superiori come forza psichica, rispetto ai simboli relativi oggettivi, seguono e pilotano sempre qualsiasi funzione esplicativa attiva, di tutti gli individui umani. Queste egregore soggettive, sono posizionate ai lati esterni di ogni turbamento o distonia base, e pur agendo tra loro, in contrapposizione psicologica, la loro presenza, è importantissima, nella funzione dello scorrimento dei flussi di energia psichica dei simboli soggettivi ideali e reali.

Le egregore soggettive ( simboli e simbologie ), nell' assumere la loro posizione gerarchica, seguono una traiettoria spaziale, che assume una forma d' onda di tipo sinusoidale, la quale si contorce contemporaneamente su se stessa in una forma iperspiralizzante. Questa onda: scorre in un alternarsi di posizioni intermedie, conferendo così a tutta la struttura, la possibilità di creare ancora la gerarchia psicologica iniziale. La forma iperspiralizzante di questa struttura, determina l' obbiettivo principale di poter fare tornare lo scorrimento dell' energia psichica, sempre al medesimo punto di partenza, ( da distonia n° 4, Materna, a distonia n° 1 Paterna e viceversa ). Per ripartire e formare così, un' altra sinusoide iperspiralizzante, esattamente analoga alla prima, ma, con il flusso temporale di energia psichica, che segue la direzione opposta. Si creano così, due flussi di energia che scorrono contemporaneamente in direzioni contrapposte uno all' altro, esattamente, come nella doppia elica del tempo ( D.N.A.) psicologico della mente. Ma con tutti i simboli, ideali e reali, perfettamente combacianti. In questa doppia inversione psichica, esistono due direzioni inverse dei flussi psichici, i quali, generano contemporaneamente uno sull' altro, due identificazioni sessuali diverse ( maschile e femminile ). Difatti, questi due flussi psichici, si identificano nei ruoli comportamentali Materno e Paterno reali.

Questi due flussi psichici invertenti tra loro, costruiscono, forgiandole, le due griglie psicologiche complete. Questi due flussi, contengono al loro interno, il continuo divenire di un tempo presente, che proviene, dal tempo passato, che scorre verso il futuro. Questo tempo contiene, ed è contemporaneamente composto al suo interno di tutte le peculiari esperienze dettate dalle forze psichiche intelligenti, costituitesi nella storia umana vissuta fino a ora. Questo tempo ci permea tutt’ ora, in pieno, con la sua eredità storica piena di esperienze psicologiche.

Dobbiamo precisare, che in realtà: la spinta psichica, che ci ha donato prima la vita e poi gradualmente ci conduce verso la morte, viene volgarmente chiamata: anima. L' anima che scorre dentro il corpo fisico vivente, di ogni individuo, dimostra la sua analogia a tutto il movimento dell' Universo. Dall' infinitamente grande ( spazio extraterrestre ) al più piccolo ( batterio o molecola ). Così, anche noi individui umani, appartenenti a un sistema adeguato alla vita biologica, siamo inseriti in un contesto simile e cioè: dove tutto si muove, verso una crescita psicologica progressiva, come se fosse un' esplosione psichica di proporzioni immense. Questa anima, segue in maniera analoga: il comportamento esistente nella orbita circolare, di tutti i pianeti e stelle, in cui siamo tutti sottoposti a seguire obbligatoriamente. Tutto ciò è analogo, alla forza di gravità, che ci attira inesorabilmente a vivere oltre il tempo presente, verso un divenire futuro da scoprire e ancora sconosciuto. Questo inesorabile procedere del tempo, continuerà nella sua esplosione fino al compimento totale dei compiti che la natura stessa dell' Universo ci riserva.

Possiamo paragonare la forza psichica dei grandi simboli assoluti relativi istituzionali ed archetipi, in maniera analoga alle grandi forze invisibili di gravità reciproca, che esiste tra le grandi masse tridimensionali dei pianeti, che fanno parte del nostro sistema solare e dell’ intero Universo. Questa forza di gravità, crea una attrazione e repulsione reciproca contemporanea tra tutti i pianeti. Al fine di ottenere un perfetto equilibrio perpetuo tra loro stessi. La forza di gravità obbliga tutti i pianeti a continuare a ruotare su se stessi. Intanto mentre oscillano e spostano i loro equatori, essi seguono delle orbite più o meno ellittiche, tendenti a ritornare sempre nella medesima traiettoria spaziale, in un incessante moto perpetuo.

In maniera analoga ai pianeti, i simboli relativi, delle griglie Materna e Paterna, compiono queste stesse orbite al loro interno. O meglio, sono loro stessi, che in un percorso gerarchico temporale obbligato, avente una orbita ellittica, eseguono contemporaneamente anche una oscillazione a forma d' onda alternata, che si sposta continuamente di posizione. Questi simboli, scorrono in modo ondulatorio alternato, passando da un tipo di griglia all' altra. Tutta questa successione di eventi simbolici avviene, mentre i suoi simboli roteano come trottole contemporaneamente su se stessi. Questi movimenti incessanti dei simboli relativi all’ interno delle griglie simboliche Materna e Paterna, producono e simulano in maniera analoga al movimento orbitale delle orbite dei pianeti con il loro incessante movimento ondulatorio e oscillatorio, creando contemporaneamente i tempi del passato e del futuro. La posizione temporale dei simboli sulla griglia, è disposta in maniera tale da simulare un perfetto comportamento orbitale. Questo fatto, fa determinare una perfetta analogia, delle stesse fasi che avvengono nell' immensamente grande ( pianeti e galassie ) e nell' invisibilmente piccolo ( molecole ).

Naturalmente nella fenomenologia della replica speculare psichica: avviene, una simulazione del processo della meiosi, ( divisione e riproduzione cellulare ) si formano contemporaneamente, nello stesso istante di tempo, due scie di simboli relativi e contrapposti, ( griglia Materna e Paterna ). Questi simboli, vorticano nel loro fluire temporale, in due direzioni opposte formando un doppio legame simbolico. Questi simboli archetipi, simulano nel loro processo costruttivo delle griglie, la doppia elica del D.N.A. Tutto ciò avviene, con dei legami simbolici reali che si formano incontrandosi in un punto centrale. Collegando ed incrociando così in questo modo, i due filamenti psichici relativi. Questo incrocio temporale dei simboli relativi permette la possibilità di far generare la duplicazione psichica dei simboli reali oggettivi. Infatti, proprio in funzione di questo incrocio, si combinano una contrapposizione e legatura simbiotica di entrambi gli incroci delle due griglie, formando così, quel fenomeno psichico, che viene chiamato, "canone cancrizzante". Cioè, da qualsiasi punto si guardano le griglie, si nota che esse sono connesse tra loro in una perfetta simbiosi psichica contrapposta. E prendendo tutte due le griglie, o sezionandone solo una qualsiasi parte più piccola di essa, ( esempio: solo una completa distonia psicologica o anche, solo un turbamento base ) si ritroveranno sempre gli stessi requisiti, che si trovano nella griglia completa ( cioè, la cosiddetta: proprietà biunivoca). Vedere gerarchie psicologiche.

L' incrocio e la congiunzione dei simboli oggettivi reali, si evidenzia sempre al centro della griglia. Invece, i grandi simboli, o egregore impersonali istituzionali relativi soggettivi del -sé-, sono sempre posizionati ai lati esterni destro e sinistro dei turbamenti base oggettivi. Mentre i simboli soggettivi personali, ( Materno e Paterno) sono sempre posti in una posizione temporale-spaziale interna, ( simboli reali ) o esterna, ( simboli ideali ) di tutti i turbamenti base.

I grandi simboli relativi, impersonali, a loro volta creano delle repliche a loro immagine e somiglianza. Questi sono, i simboli base Materno e Paterno, che noi conosciamo per simboli soggettivi ideali. Questi simboli, hanno la loro identificazione simbolica nei simboli reali esterni concretizzati nel proprio padre e nella propria madre fisica ( o in chi ne fa le veci sostitutive ). Questi simboli assumono nella griglia psicologica delle singole tipologie una precisa posizione spaziale-temporale gerarchica: cioè ai lati opposti ( inizio-fine ) della griglia psicologica. Ma comunque, tutte presenti in una posizione gerarchica a scalare nel tempo presente attuale, se anche queste, vengono comparate in modo contemporaneo, con le altre distonie. Ma anche come: a simulare due guardiani di porta del tempo, i quali, simulano per analogia: sia il cancello iniziale e finale del tempo. Questo cancello impedisce di andare oltre o di tornare indietro, al tempo presente stesso, da parte di qualsiasi evento cognitivo mentale. Mentre al centro, tra i due simboli soggettivi, trovano la loro collocazione , i simboli oggettivi, che collaborano alla formazione del turbamento base. I simboli relativi assecondano come regola fissa, sempre la gerarchia simbolica.

Rispettando le regole gerarchiche e meritocratiche: ogni distonia, si lega all' altra successiva, in una successione sinusoidale alternata. Cioè, si può notare che: le distonie Materna e Paterna reali appartenenti alla griglia Materna, sono inversamente collegate tra loro e rispetto a quelle della griglia Paterna. Queste simbiosi psichiche, sono permesse tramite i simboli guardiani di porta, nella loro disposizione simbiotica e relativa ( logico-analogico e tempo relativo passato-futuro ). E tra loro stessi ( simboli reali ) e le distonie ai lati esterni: Materna e Paterna, che sono i simboli guardiani di porta del medesimo tempo relativo. Infatti, anche nella simbiosi psichica tra distonie, si devono sempre confermare le regole gerarchiche, come tra i singoli simboli.

Le due griglie, Materna e Paterna, sono allacciate in una simbiosi di funzioni psichiche, alleate tra loro in modo da avere contemporaneamente un dualismo psichico di tipo biunivoco. E poiché, le quattro distonie base, sono disposte in maniera gerarchica, in una completezza psichica, dettata dall' alternarsi sinusoidale dei grandi simboli archetipi relativi, la disposizione assunta dalle griglie laterali, viene chiamata: eterologa; ossia, aventi un collegamento in maniera alterna e gerarchica anche tra i turbamenti base, che gli permette di avere due istanze psichiche, completamente in opposizione temporale. Cioè, le due griglie psicologiche Materna e Paterna entrano in simbiosi tra loro, sempre seguendo la direzione del flusso di energia psichica, in maniera inversa tra conscio-inconscio e logico-analogico. E sempre rispettando la gerarchia delle quattro distonie appartenenti a una griglia ( quella Materna ) e completamente inversa nell' altra facciata ( quella Paterna ) .

Come si può vedere dallo schema delle griglie, esistono altre due griglie, che servono a completare le due griglie eterologhe Materna e Paterna. Infatti, per rimanere all’ interno delle regole gerarchiche, vediamo che: le griglie Materna e Paterna reale di tipo oggettivo, stanno sempre in mezzo alle due griglie eterologhe dominanti. Anch' esse, possiedono le medesime regole dei flussi di energia psichica sinusoidale ed in tutto psicologicamente funzionali, come le griglie aventi natura eterologa. Ma differiscono da queste, proprio nello stesso modo dei singoli simboli reali, i quali, dispongono della capacità o regola psichica biunivoca. Infatti, definiamo e nominiamo queste griglie: aventi natura psichica omologa. Per il fatto che contengono al loro interno, una realtà soggettiva e oggettiva, logica ed analogica, presente solo su una parte temporale delle due griglie ( Materna e Paterna, logico e analogico ). Difatti, queste due griglie, se vengono prese unitamente, notiamo che: sono una, la replica psichica inversa dell' altra, esattamente come le distonie base reali Paterna e Materna, che sono tutte unite assieme in maniera biunivoca.

RIEPILOGO DEI RUOLI CHE ASSUMONO I SIMBOLI

Simboli relativi, soggettivi, Materno, Paterno, impersonali: presenza astratta, pura energia psichica, aventi solo riferimenti simbolici mentali. Appartengono al tempo del passato, del presente e del futuro. Questi simboli, derivano da tutto l'archetipo psicologico, che ha contribuito a plasmare l' energia creativa scaturita dalla mente degli uomini, fin dall' inizio della sua presenza sulla terra, con i suoi -imago-. I simboli che compongono l’ Archetipo, divengono contemporaneamente assieme ai simboli Paterno e Materno, la guida e l' essenza psichica della storia umana rappresentati dai grandi simboli: Dio-Demonio, Nascita-Morte, e Istituzioni quali: Potere politico, religioni, etc. etc. Queste simbologie astratte, sono i guardiani di porta simbolicamente presenti nella mente degli individui come se fossero: un cancello temporale-psicologico insuperabile, da tutto il genere umano. Questi cancelli, uniscono, tutti gli individui in un "abbraccio" sia di tipo consapevole e anche inconsapevolmente collettivo; traslando il loro contenuto psicologico simbolico identificato, proveniente da e verso i simboli relativi, personali. Quindi questi simboli, sono i mediatori tra: l' energia psichica di natura astratta e soggettiva dei simboli impersonali e i simboli personali, attraverso l' identificazione diretta di simboli logici e analogici oggettivi, che esprimono il loro stesso significato simbolico ( significante ).

Simboli relativi, soggettivi, Materno, Paterno, personali: appartengono al tempo psicologico del passato, del presente e del futuro. Sono composti da tutta l' essenza psichica, presente su ogni individuo, a cominciare dalla propria nascita e lo accompagnano fino alla morte. Sono simboli della realtà immaginale dell’ individuo. Sono identificati e composti da: genitori, parenti, figure aventi ascendente istituzionale, etc. Etc. Sono i rappresentanti reali, dell' iniziazione psicologica e di tutta la guida psichica, inerente alla propria identificazione sessuale, che inevitabilmente seguirà ogni individuo nel corso del suo divenire futuro. Fanno da mediatori tra i simboli ideali e reali.

Simboli oggettivi, Materno e Paterno reali, personali e non: appartengono unicamente al tempo del presente, esclusivamente tramite la presenza oggettiva materiale, identificata direttamente verso qualsiasi oggetto o cose, avente forma materiale tridimensionale esistente materialmente nella realtà delle cose concrete, compreso il proprio corpo fisico, o, quello degli altri. Fanno da mediatori tra i simboli reali oggettivi, aventi una personale appartenenza, con i simboli reali oggettivi di altrui appartenenza. La realtà immaginale soggettiva posta su simbologie oggettive, fa anch’ essa parte di questi simboli.

Simboli oggettivi, esterni, Materno e Paterno reali extra personali: appartengono unicamente al tempo del presente, tramite ed esclusivamente la presenza oggettiva materiale. Identificata direttamente o non, verso qualsiasi oggetto o cose, avente forma materiale tridimensionale esistente nella realtà concreta circostante; sono collocati con la loro presenza, esclusivamente all' esterno del proprio -sé-. Questi simboli, non sempre possiedono necessariamente un significato simbolico di tipo consapevole e razionale, per la ragione dell' individuo: anzi, il più delle volte, è di tipo inconsapevole e analogico. Esempio: statue di santi, la croce, la bandiera della Patria, tutti gli emblemi sacri, l’ ostia, talismani, etc...